Stari Ras

Sulla collina Gradina vicino a Novi Pazar si trova la fortezza del dodicesimo secolo - Stari Ras (Vecchia Ras). Costruita per difendere l’omonima capitale, testimonia l'emergere, lo sviluppo e il consolidamento del primo stato serbo.Nel complesso monastico ci sono tre siti archeologici: la fortezza di Gradina, la grotta con il monastero dei Santi Arcangeli e l’insediamento Pazarište (Trgovište).

L’edificio militare più antico dello stato medievale serbo di Raška (Rascia), fu costruito con la pianta a forma di quadrilatero irregolare. Sui suoi larghi bastioni di pietrisco e malta di calce, era percorribile un sentiero lungo il quale camminavano i sovrani.
Nella fortezza aveva due porte di accesso: la porta occidentale e la porta meridionale. Nella parte meridionale si trovava una torre centrale di otto metri di diametro, mentre a difesa della porta principale furono poste due torri di diverse dimensioni. La porta occidentale fu chiusa nel dodicesimo secolo, quando Ras divenne la roccaforte principale dello stato serbo, e fu sostituita da un nuovo cancello vicino alla torre principale.
Sotto la fortezza si trova una grotta adibita a monastero, la cui chiesa conserva i resti di affreschi e documenti del tredicesimo secolo, oltre che iscrizioni del sedicesimo e diciottesimo secolo. Si ritiene che qui sia scritto il famoso "Vangelo di Vukan", manoscritto illustrato, uno dei più antichi monumenti del patrimonio documentario serbo.
Non lontano da Stari Ras, a Pazarište, sono stati trovati resti dell'insediamento di due diversi periodi. I resti più antichi del quattordicesimo secolo sono caratterizzati da case di legno; i resti più recenti risalgono al diciassettesimo secolo - quando durante il dominio turco nell'insediamento furono costruite un gran numero di strutture in pietra, i cui resti sono ancora visibili sul sito. I resti della chiesa, le necropoli ed altri edifici indicano che nell'area di Pazarište si trovasse un importante centro spirituale già nel dodicesimo secolo.
La fortezza del Stari Ras, insieme ai monasteri medievali Sopoćani e al monastero Đurđevi stupovi e la Chiesa di Pietro, è stata iscritta nella Lista del Patrimonio Culturale Mondiale dell'UNESCO, come monumento denominato Stari Ras con Sopoćani.

Essere informati

Accedi

Bolettino dell'Ente Nazionale del Turismo della Serbia