Ulpiana

I resti della città Romana di Ulpiana sono stati ritrovati nei pressi della località di Gradina, a solo un chilometro dal monastero di Gračanica.  Essi rappresentano il sito Romano e Bizantino più importante all'interno del territorio del Kosovo e Metohija.
La sua fondazione è correlata al governo di Marco Ulpia Nerve Traiano, attivo dall’anno 98 all’anno 118.

Ulpiana attraversò diverse fasi di sviluppo nel corso dei secoli, come testimoniano gli edifici ben conservati e gli artefatti trovati sul sito.
La buona posizione geografica e le risorse minerali hanno aiutato a Ulpiana a svilupparsi rapidamente e diventare il centro politico, economico, religioso e culturale di questa zona. Al suo apice di sviluppo, tra il 3° e 4° secolo, Ulpiana ha guadagnato lo status di città (municipum) e il nome fu cambiato in Municipum Ulpiana Splendisima.
Il terremoto terribile che colpì la città nel 4° secolo è stato uno spartiacque nel suo sviluppo. L'imperatore bizantino Giustiniano I ha ricostruito la città nella metà del 6° secolo e l’ha chiamata Justiana Secunda. La città è stata distrutta una seconda volta sul finire del 6° secolo, durante gli attacchi avaro-slavi.
Ulpiana era circondata da fortificazioni dalla base quadrata, di cui i resti sono visibili ancora oggi. A nord e a ovest della città si trovavano le necropoli, mentre  a nordest il castrum. Di tutto ciò sono rimaste alcune parti delle necropoli.
All’interno della cittadella fortificata si trovano i resti della chiesa del primo cristianesimo del 6° secolo, le reliquie con il sarcofago in marmo, due terme e un bagno turco. All'interno di Ulpiana sono state scoperte diverse centinaia di metri quadrati di mosaici dalla bellezza e dal valore inestimabile. La scoperta più importante, autentico gioiello di Ulpiana, fu la basilica con la cappella del 4° secolo. Si crede che sia stata dedicata ai santi Floro e Lavro, vissuti nel 2° secolo.
Ulpiana si trova nella zona della regione autonoma del Kosovo e Metohija, la quale è attualmente sotto l’amministrazione dell'UNMIK.

Essere informati

Accedi

Bolettino dell'Ente Nazionale del Turismo della Serbia