Danubio

Elogiato nel famoso brano di Johann Strauss Sul bel Danubio blu, il più bel fiume europeo è da sempre fonte di ispirazione per marinai, artisti, viaggiatori e conquistatori. Per la sua superficie dal colore unico e per l'importanza storico-culturale, il “Dunav” è uno dei fiumi più popolari per crociere fluviali, non solo in Europa ma anche nel mondo. 2.888 chilometri di corso che uniscono l'Europa centrale a quella balcanica, 588 (quasi un quarto) dei quali tra le montagne, le pianure, le città, i villaggi e le aree naturali protette della Serbia.

La Riserva della Biosfera di Bačko Podunavlje è tra le zone paludose meglio conservate di tutto il danubiano, tanto che l'UNESCO - nel 2017 - l’ha inclusa nella Lista delle Riserve della Biosfera Mondiale. Qui è possibile vedere numerose specie animali e vegetali ed esplorare habitat naturali rari come le isole fluviali, boschi alluvionali e rive sabbiose.
Sul confine orientale della Serbia, dove il Danubio è più profondo, si trova il Parco nazionale Đerdap, conosciuto per le rare specie di aquile che sorvolano gli imponenti canyon, per la quantità di vegetali e per l'immensa ricchezza faunistica: questo parco nazionale ospita più di 1000 specie di piante ed è anche l'habitat di numerosi esemplari di lontre, orsi, camosci e altri mammiferi e uccelli, che possono essere visti in aree di eccezionale bellezza naturale.
L’unica catena montuosa che svetta dalle infinite pianure della Vojvodina, dove un tempo risiedeva il Mare Pannonico,  si trova all'interno del Parco nazionale di Fruška Gora al quale dà il nome, il più antico parco nazionale in Serbia noto per i suoi dolci pendii, gli antichi boschi, i meravigliosi vigneti e una costellazione di spettacolari monasteri particolarmente importanti per la storia e l'identità Serba. Oltre ai dintorni di Belgrado e di Negotin, la Fruška Gora è una delle tre regioni vinicole la cui produzione è strettamente collegata al Danubio, sul quale si affacciano i vigneti accarezzati dal dolce vento che giunge dal fiume.
Assaggiate i famosi vini della Fruška Gora come il bermet e l'ausbruch, la cui tradizione di produzione viene trasmessa di generazione in generazione. Continuate lungo il Danubio e assaggiate i vini della capitale serba o un bianco di Smederevo, zona in cui furono proprio gli antichi Romani, per primi, a coltivare la vite, oppure recatevi nella Serbia orientale e assaggiate il vino prodotto da uva autoctona coltivata esclusivamente nella cosiddetta area della Negotinska Krajina, non lontano da Đerdap. Abbinando i vini serbi alle specialità locali scoprirete perché il bacino del Danubio è considerato un centro gastronomico importante, nonché una delle migliori zone per la produzione del vino in Europa.
E se alla natura incontaminata preferite i centri urbani, fate una breve pausa nei porti di Novi Sad e Belgrado per visitare i siti turistici delle due grandi città che da anni, grazie all'ospitalità dei loro abitanti, le attrazioni culturali e la vita notturna, attirano i turisti da tutto il mondo. Oppure immergetevi nel fascino unico delle piccole cittadine danubiane, come Apatin, Donji Milanovac, Kladovo o Veliko Gradište le quali, ciascuna con la propria storia, tradizioni e costumi raccontano le specificità della vita sul grande Dunav. Tirate indietro le lancette della storia visitando alcune delle antiche fortezze danubiane navigando da Bačka a Đerdap, le quali vi porteranno al tempo in cui i romani, gli ungheresi, i turchi e i sovrani serbi medievali difendevano coi denti quello che da sempre è il confine di mondi altri. Il sito archeologico Viminacium, con i resti di una delle più importanti città romane nel periodo dal primo al sesto secolo, si trova vicino alla confluenza del fiume Mlava nel Danubio, mentre Lepenski Vir, la culla della civiltà europea, è situato sulle rive del Danubio all'interno del Parco Nazionale di Đerdap.
Navigate lungo l’unico canale navigabile tra il Danubio e il Tibisco, lungo quasi 1000 chilometri e creato per l'irrigazione e la protezione dalle inondazioni, per scoprire tutte le attrazioni delle regioni storiche del Banato e della Bačka, mete di grande interesse per gli appassionati di caccia, pesca o semplicemente per chi cerca del sano riposo sulle rive del fiume.
Se desiderate una vacanza che sia allo stesso tempo rilassante e all'insegna della cultura e della storia, passatela sul fiume che rappresenta la linfa vitale dell'Europa e scoprite perché nel XXI secolo il Danubio non ha perso niente del suo innato fascino e della sua importanza internazionale.

Essere informati

Accedi

Bolettino dell'Ente Nazionale del Turismo della Serbia