I Monasteri della Fruška gora

Sulle pendici della Fruška Gora si trovano 17 monasteri medievali. Questa montagna è diventata il luogo del rinascimento culturale serbo quando, sotto la pressione delle conquiste turche, il centro della vita spirituale fu spostato a nord – ai tempi dell'Austro-Ungheria.
I Monasteri della Fruška gora sono stati costruiti nello stile autentico del barocco serbo, che combina l’eredità dell’epoca dei Nemanjić con forti influenze dell’Europa Occidentale. In tutta la Fruška Gora si trovano monasteri con alti campanili e ricche iconostasi incise in stile barocco.

Monastero Jazak

Sulle pendici meridionali della Fruška Gora si trova il monastero di Jazak del 18° secolo. Questo monastero fu costruito nelle vicinanze del precedente, eretto nel 16° secolo e, insieme alla chiesa di Santa Trinità, compone un particolare complesso architettonico.La chiesa del monastero è una costruzione a trifoglio, con la cupola centrale e il campanile in stile barocco, sulla facciata a ovest. Sulle iconostasi, preservate nel loro stato originario, si possono osservare i principi tipici della decorazione dell’abside dell’altare, mentre all’interno il monastero è decorato con tre ricchi troni e numerose icone.

Krušedol

Il monastero Krušedol, situato sulle pendici sud-orientali della Fruška Gora, è stato fondato dal vescovo Maksim Branković. Questo monastero è stato eretto come mausoleo della sua famiglia; nel 1716 fu bruciato e i resti della famiglia furono sparsi. Sei anni dopo ebbe inizio la ricostruzione che ha portato il monastero ad essere ciò che è oggi.Costruito in stile barocco, con la facciata bianca lucida, preserva ancora l’iconostasi originale e una croce monumentale con la crocefissione. A Krušedol sono sepolti alcuni personaggi importanti della storia Serba, tra cui il re Milan Obrenović e la principessa Ljubica Obrenović.

Grgeteg

Sulle pendici meridionali della Fruška Gora si trova Grgeteg, il monastero che, come racconta la tradizione, il despota Vuk Branković costruì per suo padre Grgur, di cui il monastero ha preso il nome. Tutto il complesso del monastero è stato ricostruito all’inizio del 18° secolo in stile barocco.La chiesa del monastero si contraddistingue per la base della cupola ottagonale e la base della chiesa a forma della croce, con il campanile alto visibile in lontananza. Dopo la Seconda guerra mondiale furono costruiti i rifugi intorno a tutta la chiesa. L’iconostasi originale del 18° secolo è stata rovinata durante la ricostruzione, oggi però nella chiesa potete vedere gli affreschi lussuosi e cerimoniali dipinti dal pittore Serbo Uroš Predić, tra il 1901 e 1902.

Velika Remeta (Monastero di Velika Remeta)

Non lontano da Grgeteg si trova Velika Remeta, con la sua chiesa dedicata a San Dimitri. Si crede che questo monastero fu fondato dal re Serbo Dragutin alla fine del 15°  secolo. Dopo le distruzioni da parte dei Turchi fu ricostruito solo nel 18° secolo.A Velika Remeta si trovava la scuola di trascrizione, e qui è stato scritto uno dei primi libri di viaggi della letteratura Serba. Il campanile a sette piani domina questa architettura, mentre la combinazione di pietra e mattone dona al monastero l’apparenza di una fortezza.

Novo Hopovo

Il monastero di Novo Hopovo eretto nel 15° o nel 16° secolo, occupa un posto importante tra i monasteri della Fruška Gora. Qui si preservano i resti del famoso combattente Teodor Tiron, portati nella vecchia chiesa di Novo Hopovo nell'anno 1555.Quello che rende questo monastero particolarmente bello è la cupola circondata dai pilastri, ma anche gli affreschi dipinti in stile post-bizantino sotto l’influenza dello stile pittorico proveniente dal Monte Atos e della scuola italo-cretese. Tra i numerosi affreschi del 17° secolo, si distinguono particolarmente le scene dei cicli delle sofferenze apostoliche. 

Vrdnik

Dalla sua fondazione nel 16° secolo, il monastero di Vrdnik ha attraversato varie fasi di sviluppo. Alla fine del 17° secolo a Vrdnik si trasferirono i monaci dal monastero di Ravanica: per questo il monastero oggi viene spesso chiamato “Ravanica di Srem”. I monaci portarono con loro i resti dei principe Serbo Lazar e una parte di questi resti è ancora esposta al monastero di Vrdnik.La chiesa è stata abbattuta all'inizio del 19° secolo e sul medesimo luogo, nel 1811, è nata una costruzione di dimensioni più estese, con degli affreschi fatti dai pittori migliori del tempo.

Šišatovac

Sulla parte occidentale della Fruška Gora si trova il monastero di Šišatovac, edificato sulla sponda del fiume Remeta nel 16° secolo. Eretto in stile barocco con il campanile alto e la cupola, Šišatovac è caratteristico per la facciata articolata che lo contraddidistingue dagli altri monasteri della regione. Durante la prima metà del 19° secolo il monastero era conosciuto come luogo d’incontro degli intellettuali serbi dell’epoca.

Beočin

Il monastero di Beočin, con la sua chiesa dedicata all’Ascensione di Cristo, venne menzionato per la prima volta nel 17° secolo, mentre l’aspetto odierno corrisponde alla grande ricostruzione occorsa nel 18° secolo.La chiesa è caratterizzata da una base a una singola navata e con un'alta cupola ottagonale sulla quale si riconoscono gli stili delle epoche diverse. Gli affreschi del monastero di Beočin sono state dipinti da famosi pittori del 18° secolo.

Essere informati

Accedi

Bolettino dell'Ente Nazionale del Turismo della Serbia